Come gestire il cambiamento strategico

Come gestire il cambiamento strategico 


Se stai leggendo questo articolo probabilmente sei un imprenditore o un manager di un’azienda e vorresti realizzare un vero e proprio cambiamento strategico della tua impresa. Magari stai cercando qualche spunto di riflessione per capire come gestire il cambiamento strategico.

Il cambiamento strategico per rafforzare la competitività della tua azienda

Per cambiamento strategico o meglio, trasformazione d’impresa, intendo un cambiamento profondo nella strategia, nel modello di business, nell’organizzazione, nelle persone e nei processi, sia a livello aziendale sia all’interno delle singole unità aziendali. Si tratta quindi di un rinnovamento del business e dell’organizzazione per il miglioramento delle prestazioni e l’aumento del valore dell’impresa.

A differenza del miglioramento continuo, che ha inizio solitamente dal basso, dai dipendenti, e si diffondono nell’organizzazione; la trasformazione richiede invece, una serie di iniziative interdipendenti avviate dai vertici aziendali.

Ti svelo un segreto: le aziende devono rispondere in modo efficace ai cambiamenti in atto, attraverso un processo di trasformazione che permetta di realizzare miglioramenti radicali e sostenibili

Finora le trasformazioni sono state spesso percepite come soluzioni radicali per aziende con problemi ampi e sistemici.  Invece è importante capire la differenza tra trasformazioni preventive e trasformazioni ritardate.

Considerando che la tipologia di trasformazione preventiva o ritardata, orienta notevolmente il programma d’intervento. Spesso molte imprese di successo optano per trasformazioni preventive, ovvero che hanno l’obiettivo di rafforzare ulteriormente la loro competitività. Ad esempio, un’azienda finanziariamente scarsa, in un’industria strategicamente instabile dovrà concentrarsi principalmente su obiettivi di breve termine, come il taglio dei costi, il miglioramento dei flussi di cassa e il miglioramento del capitale circolante netto. Una volta che la difficoltà immediata è passata, l’azienda può creare un nuovo modello operativo a lungo termine, agendo su persone, organizzazione e cultura necessari per sostenerlo.

Al contrario, un’azienda finanziariamente buona, in un’industria strategicamente forte, può scegliere di concentrarsi sulla migliore strategia e modello di business. Questo per la crescita dei ricavi a lungo termine e sull’ orientamento del modello operativo e organizzativo a supporto di questa nuova strategia.

Cosa devi valutare prima di attuare un programma di trasformazione

Nel tempo ho sviluppato una serie di schemi formali che utilizzo frequentemente per valutare la posizione di partenza di un’azienda prima di avviare un programma di trasformazione, principalmente lungo due dimensioni:

  • Dimensione finanziaria: riguarda alle recenti prestazioni finanziarie dell’impresa, al suo gruppo di competitor e alla media del settore, insieme alle prospettive finanziarie a breve termine.
  • Dimensione strategica: considera la stabilità strategica complessiva del settore in cui opera l’azienda, guardando avanti nei successivi 3/5 anni.

Si tratta di un’attività a mio avviso molto utile e che è il punto di partenza della formula complessiva che ti presenterò.

La formula per la trasformazione e il rilancio d’impresa

In estrema sintesi, si possono identificare quattro situazioni:

  • scarse prestazioni finanziarie e bassa stabilità strategica del settore
  • scarse prestazioni finanziarie e alta stabilità strategica del settore
  • buone prestazioni finanziarie e bassa stabilità strategica del settore
  • buone prestazioni finanziarie e alta stabilità strategica del settore

In una qualsiasi delle quattro situazioni, le aziende possono trarre vantaggio dalla trasformazione, in modo particolare quelle con scarse prestazioni finanziarie, che potrebbero richiedere misure immediate per risolvere, almeno temporaneamente, le difficoltà, prima di intraprendere misure a lungo termine (come ripensare profondamente la propria attività e il proprio modello operativo, stabilire i giusti processi, l’organizzazione e la tecnologia)

Tuttavia, anche le aziende di successo con buone performance finanziarie, dovranno prestare attenzione alle mutevoli condizioni di mercato e ridisegnare la strategia con cui creano valore per i proprietari. Le aziende migliori, in settori stabili, inizieranno a pianificare in anticipo e a lungo termine. Oltre alla performance finanziaria e strategica, le aziende possono determinare il loro punto di partenza dai fattori organizzativi, è questo il caso delle imprese con forti disagi e inefficienze organizzative.  Successivamente approfondiremo insieme le diverse tipologie di trasformazione e gli errori da evitare.

Ti sei ritrovato in questa descrizione?

Dove collocheresti la tua impresa?

In quale delle quattro situazioni descritte si trova ora?

Contattaci se vuoi approfondire